Cerca
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Aspirapolvere centralizzato o tradizionale - Guida alla scelta


Abbiamo elencato di seguito le differenze principali tra aspirapolvere centralizzato e aspirapolvere tradizionale, analizzando vantaggi e svantaggi, per aiutarti nella scelta del miglior sistema di pulizia.

Vediamo cosa differenzia le due soluzioni e scopriamo quale si rivela il miglior aspirapolvere.

Tipologia di aspirazione

Facciamo subito una distinzione importante legata alla concezione e alla praticità di utilizzo dei due mezzi.

Consideriamo aspirapolvere tradizionale quegli elettrodomestici portatili dedicati all’aspirazione. Esistono modelli a scopa, a traino, con o senza sacco, a filo o a batteria ma al di là delle loro caratteristiche di progettazione, rappresentano in ogni caso quello strumento che dobbiamo portarci dietro per casa (e sulle scale) accompagnato spesso dall’ingombro del filo che puntualmente intralcia i nostri movimenti o dal vincolo della batteria che puntualmente ci abbandona sul più bello.

Quando parliamo di aspirapolvere centralizzato invece, ci riferiamo ad un vero e proprio impianto di aspirazione che si sviluppa in modo integrato, sotto il pavimento, all’interno delle mura o mimetizzato al di sopra di esse e prevede l’aspirazione della polvere e dello sporco, il filtraggio delle parti aspirate e l’espulsione della polveri sottili, non trattenute dal filtro, direttamente all’esterno.

Se non hai mai sentito parlare di aspirazione centralizzata, puoi trovare qui un video che illustra in modo semplice e chiaro che cos’è e qual è il suo funzionamento.

Come puoi vedere l’impianto è accessibile attraverso delle prese strategiche poste alle pareti – simili a quelle elettriche – alle quali è sufficiente collegare il tubo flessibile con l’accessorio desiderato per aspirare pavimenti, tappeti, tendaggi e superfici varie in modo pratico e funzionale.

L’unico elemento che ti seguirà di stanza in stanza sarà il tubo, maneggevole e leggero, e se decidi di optare per i modelli di ultima generazione è previsto un sistema che consente al tubo flessibile di alloggiare all’interno della tubazione nel muro, avendo così il flessibile a scomparsa, renderlo direttamente disponibile e pronto all'uso in ogni ambiente. 

Igiene e sicurezza dell’aria

La salute prima di tutto, giusto?
Allora devi sapere che l’aspirapolvere tradizionale cattura le micropolveri ma in parte le rimette in circolo.

Anche se può sembrare paradossale, quando puliamo casa con un sistema “classico” - e i brand più famosi non fanno eccezione – acari e polveri vengono risucchiati dall’elettrodomestico che però non è in grado di trattenerli per intero nel filtro, (nemmeno quelli con filtro Hepa) disperdendoli nuovamente nell’ambiente in cui si utilizza.

L’aspiratore centralizzato sfrutta invece una rete di tubi che convoglia l’aria insalubre e la sporcizia direttamente nella centralina. Come detto il tutto passa attraverso un filtro e, quello che non riesce a trattenere, viene eliminato all’esterno dell’edificio mediante la tubazione di espulsione.
Non resteranno micropolveri in sospensione e a giovare dell’aria effettivamente ripulita, e quindi più sicura, sarà tutta la famiglia, in particolare i soggetti allergici.



Potenza, consumi e rumore

Nell’ultimo decennio l’Unione Europea ha posto molti vincoli ai produttori di aspirapolvere tradizionali, riducendo la potenza massima consentita in termini di Watt, costringendoli di fatto ad essere meno performanti.

La restrizione non coinvolge però i sistemi centralizzati – che ricordiamo sono impianti e non elettrodomestici – i quali possono continuare a fornire una forte potenza aspirante garantendo allo stesso tempo un risparmio energetico degno di nota.
La tecnologia avanzata dei nostri sistemi riducono i consumi fino ad 1 solo Watt in modalità stand-by e permettono un risultato di pulizia più profondo che dura più a lungo e ti consentiranno di ricorrere all’aspirapolvere con meno frequenza rispetto ad un apparecchio tradizionale, con un ulteriore risparmio di tempo ed energia.

Se pensi che più potenza equivalga a più rumore, sappi che non è corretto. Gli aspiratori portatili, quelli definiti più silenziosi, hanno una emissione sonora oltre i 73 db mentre l’aspirapolvere centralizzato è ancora più silenzioso limitandosi sotto la soglia dei 63 db. Questo è possibile grazie alla centralina che non solo si trova in un vano tecnico chiuso distante dagli ambienti, ma, le centrali GDA, sono a loro volta dotate di un sistema insonorizzante che consente di passare l’aspirapolvere a qualunque ora senza paura di disturbare chi dorme nella stanza a fianco o il vicino.


Longevità, manutenzione e prezzo

Nell’arco della vita ti capiterà di dover sostituire l’aspirapolvere portatile diverse volte, o per guasti che inevitabilmente sopraggiungono con l’usura o perché le esigenze in casa cambiano e il modello in uso non soddisfa più appieno. Scommettiamo che sarà successo anche a te di litigare con un serbatoio che si riempie troppo presto o un filtro che si intasa spesso perché i sistemi di raccolta sono limitati trattandosi di elettrodomestici portatili e anche la manutenzione diventa così più frequente.

La durata di un sistema centralizzato, al contrario, è di gran lunga superiore rispetto ad un’aspirapolvere classico perché sfrutta componenti ad alta prestazione come serbatoi capienti (fino a 18 litri), le cosiddette centraline, e una gamma di accessori specifici che rendono il macchinario sempre all'avanguardia e pronto per ogni possibile esigenza: pulizia della casa, del garage, dell’auto e perfino per la cura degli animali. Alcune spazzole apposite permettono infatti di pettinare e aspirare il pelo che i nostri amici a quattro zampe perdono quotidianamente.

Anche la manutenzione è più facile con l'aspirapolvere centralizzato: parliamo di piccoli e sporadici interventi di routine come la sostituzione periodica del sacco di raccolta polveri e della sostituzione del filtro quando l’indicatore lo segnala. Per alcuni modelli centralizzati esiste addirittura una pulizia automatica del filtro stesso che riduce ulteriormente interventi manuali.

Infine la discriminante del prezzo fa ulteriormente spostare l’asticella a favore dell’aspirapolvere centralizzato poiché anche se l’investimento è superiore, è ampiamente ripagato nel tempo. Considerando che un solo esemplare dei modelli classici, di quelli più conosciuti, può arrivare a costare svariate centinaia di euro, è consigliabile investirli in un sistema affidabile per non dover più sostituire l’aspirapolvere dopo pochi anni.

Ora hai le idee più chiare su quale sia il miglior aspirapolvere?

Riassumendo l'analisi che abbiamo fatto, possiamo affermare che l’aspirazione centralizzatoè preferibile rispetto ai sistemi tradizionali perché:

  • Ripulisce l’aria dagli agenti inquinanti spingendoli all’esterno
  • Garantisce potenza e silenziosità
  • Permette un risparmio energetico superiore ai sistemi portatili
  • Dura nel tempo
  • Si integra perfettamente con la struttura della casa e ne aumenta il valore
  • L’investimento d’acquisto è ampiamente ripagato nel tempo